Luparense Football Club | Le prime settimane di mister Cunico e la sfida contro il Graticolato
11287
post-template-default,single,single-post,postid-11287,single-format-standard,mmm mega_main_menu-2-0-8,ivan-vc-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Le prime settimane di mister Cunico e la sfida contro il Graticolato

Le prime settimane di mister Cunico e la sfida contro il Graticolato

Nove finali da qui al 29 aprile. La Luparense, che nel turno precedente si è ripresa la vetta della classifica grazie alla preziosissima vittoria per 1-0 sul campo del Favaro, sfida l’Unione Graticolato, quarta forza del campionato e che viene dal successo in trasferta sulla Robeganese Fulgor Salzano. Quello di domenica è il primo match casalingo per il nuovo allenatore Enrico Cunico e tutto l’ambiente, dallo staff ai giocatori, è carico. Ecco le sue parole su queste prime settimane e sul match contro il Graticolato:

«Le due settimane mi sono servite per conoscere i ragazzi senza l’assillo della partita della domenica. Abbiamo provato alcune cose sono davvero contento perché i ragazzi si applicano in tutte le maniere e sono soddisfatto di come stiamo procedendo. Ho trovato un gruppo che sta bene fisicamente e sa qual è l’obiettivo di fine stagione e per raggiungerlo i ragazzi hanno accettato qualche sacrificio in più come il quarto allenamento settimanale.

I ragazzi sanno che devono esser tranquilli e concentrati: quando hai tanti punti di vantaggio e poi vieni recuperato nell’aspetto mentale subentra qualcosa e vincere contro il Favaro è stato fondamentale non solo per la classifica ma anche per rimettere fiducia per poter lavorare con serenità. Noi dobbiamo uscire dal campo senza rammarico convinti di non aver trascurato nessun dettaglio e consapevoli di aver dato il massimo.

Sono nove finali, vivo di match in match senza vedere le partite che mancano: il Graticolato, all’andata è stata la squadra che più a messo in difficoltà la Luparense, verrà da noi per fare bene. Noi dobbiamo capire che non possiamo o dobbiamo sbloccare sempre le partite nei primi minuti e per questo non dobbiamo andare in ansia, soprattutto in casa dove le avversarie vogliono fare la partita della vita. Determinazione, ma senza frenesia»

Fischio di inizio domenica 25 febbraio ore 14.30 allo stadio Gianni Casée

No Comments

Post A Comment