Savio & Gentile: due diamanti grezzi per mister Cunico

La rosa dei Lupi  si sta completando, oggi è la volta dell’annuncio di due giovani, entrambi classe 2000, di cui si dice un gran bene per il futuro: Tommaso Gentile e Alberto Savio. Il primo arriva in prestito dal Cittadella, con cui gioca dal 2014 dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili del Vicenza, è un difensore centrale adattabile come terzo di destra in un difesa a tre ed è un prospetto dalle potenzialità interessantissime; il secondo, ex Camisano e Altovicentino, arriva a titolo definitivo ed è un esterno bravo ad attaccare e molto rapido, viene da un’esperienza in Promozione con un ottimo minutaggio e rappresenta anche lui un ottimo colpo.

L’ex Cittadella Gentile ha le idee chiarissime: “Quando sono venuto a parlare la prima volta ho subito visto che si trattava di una società seria e il progetto è stupendo. Arrivo da una realtà diversa, con il Cittadella abbiamo deciso di fare questa scelta per consentirmi di crescere e metterò tutto sul campo.  Il mio obiettivo è quello di continuare il percorso che ho iniziato, spero di giocare tanto per riuscire a salire ulteriormente di livello e sono convinto che qui posso farlo. La cosa per me fondamentale è la trasparenza, ovvero sapere le cose come stanno, e questa cosa l’ho vista nel mister, la scelta di venire qua è stata fatta anche per il lato umano delle persone con cui mi sono approcciato durante i colloqui. Avevo altre offerte anche da categorie superiori ma sono molto contento di essere qui. Spero di disputare un campionato di vertice, sono molto ambizioso, come del resto la società, e spero di contribuire in senso positivo per vincere.”

Anche Savio è già carico: “Sono contentissimo di cominciare questo nuovo capitolo con la Luparense. La società è ottima, dello staff dirigenziale e tecnico ho avuto informazioni ottime e non aspetto altro che il 30 luglio per iniziare. Dei miei nuovi compagni conosco Rondon che giocava all’Altovicentino quando io ero nelle giovanili e mi è sempre sembrato un calciatore di altissimo livello, ogni punizione che calciava si insaccava (ride, ndr). Spero di fare un buon minutaggio anche se non sarà facile, per guadagnare il posto bisogna impegnarsi durante la settimana. Penso prima di tutto al bene della squadra perché è un obiettivo di tutti noi arrivare in alto e quindi non solo mio: lotteremo tutti insieme come un vero gruppo. Del mister mi hanno sempre parlato bene, è una persona che le cose te le dice in faccia senza problemi, mi dà l’idea di una persona che infonde la giusta carica per giocare una partita e non vedo l’ora di poter lavorare con lui.
L’ambizione della società è nota a tutti, ce la metteremo tutta per conseguire importanti obiettivi.”

Benvenuti ragazzi!

Commenta