Tranquillità e serenità: c’è attesa per Luparense – Arcella, il big match della stagione

E’ la partita di cartello di questa 25a giornata o, se vogliamo estendere lo sguardo, di questa intera stagione del Girone C di Promozione. Lo dicono i numeri: Luparense contro Arcella, in programma domenica 18 marzo alle 14.30, è prima contro seconda. Quattro punti a dividere le due formazioni che vantano lo stesso numero di vittorie stagionali (17), ma non solo perché la Luparense è ancora imbattuta (l’Arcella ha perso quattro volte) e può vantare la migliore difesa con solo 13 gol subiti (15 invece per gli avversari. Mentre la squadra patavina guida la classifica dei gol fatti, 50, +1 proprio sui Lupi a 49.

Ma facciamo un passo indietro, perché se la squadra arriva con la massima serenità e con una convinzione ulteriormente accresciuta è anche merito per la preziosissima vittoria di domenica scorsa sul campo della Vigolimenese con rete di Livotto a pochi minuti dal termine. E su questo è convinto mister Cunico:

«L’avevo detto ai ragazzi alla vigilia che sarebbe stata una partita molto complessa perché il campo era più piccolo, era al limite della praticabilità e noi siamo una squadra con più qualità che fisico e per questo vincere queste partite è davvero complesso. Avevo detto ai ragazzi di sfruttare, quindi, le giocate da fermo è così è stato. I tre punti hanno avuto anche ulteriore risalto perché mi è piaciuto lo spirito: i ragazzi avevano capito che non dovevano mollare fino al 95′ e così è stato. I cambi sono serviti, non solo per il gol di Livotto, ma anche perché hanno messo pressione agli avversari dimostrando di avere dei ragazzi pronti al sacrificio e sempre disponibili»

La vittoria, dunque, ha permesso di arrivare allo scontro diretto mantenendo i +4 in classifica e la prima posizione di fatto conservata per tutta la stagione, tranne durante una settimana di questo inizio 2018. Un duello affascinante che per la Luparense arriva nel momento migliore. Cunico capisce l’importanza del match, ma chiede ai suoi ragazzi lucidità:

«Di natura sono sempre positivo, il match contro l’Arcella è importante, ma non fondamentale o determinante perché abbiamo un calendario difficile in chiusura di stagione e questo risultato non consegnerà un verdetto definitivo in mano nostra o agli avversari. La gara va affrontata nello spirito giusto e con un atteggiamento sereno e lucido perché non vorrei che i miei giocatori giocassero con frenesia e quindi magari più di qualche giocatore non entra in partita perché nervoso. Mentalmente siamo belli carichi e tosti, ma dobbiamo stare attenti a non andare oltre»

Mason ha smaltito il lieve acciacco e durante la settimana Cunico ha potuto recuperare anche gli influenzati per poter preparare nel migliore dei modi l’incontro di domenica pomeriggio. Per il direttore sportivo, Eugenio Castellan, invece, queste sfide hanno un fascino tale che probabilmente possono portare anche a una bella partita fatta di agonismo e spettacolo:

«Siamo imbattuti e a livello nazionale poche squadre a questo punto della stagione possono dire lo stesso. Tutto il gruppo è tranquillo, incontriamo una squadra forte che ha giocatori di categoria superiore, ma al di là dell’agonismo sono squadre che giocano a viso aperto quindi aspettiamoci anche una bella partita perché tutte e due le squadre hanno ottimi elementi. Lo dissi un mese fa: per noi, indipendentemente dall’avversario, ogni partita che ci rimane da giocare è una finale»

In occasione di questo big-match tutti i ragazzi del settore giovanile, assieme ai familiari, faranno il tifo dagli spalti in un “Gianni Casée” che si preannuncia tutto esaurito. Anche per questo il presidente Stefano Zarattini si aspetta una partita sportiva e spettacolare, con un rammarico:

«Si affrontano le due squadre più forti del girone e l’unico dispiacere è che, per quanto fatto vedere durante l’anno, tutte e due meriterebbero l’approdo in Eccellenza. Sono contento che questo match si giochi nel nostro stadio, con i nostri giovani tifosi e per questo mi auguro di vedere una bella partita…magari vincente per noi!»

Commenta