Luparense Football Club | Luparense vs Portomansuè, l’ultima in casa del 2018
12387
post-template-default,single,single-post,postid-12387,single-format-standard,mmm mega_main_menu-2-0-8,ivan-vc-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Luparense vs Portomansuè, l’ultima in casa del 2018

Luparense vs Portomansuè, l’ultima in casa del 2018

La Luparense domani si congederà dal suo pubblico con l’ultima partita casalinga del 2018 e lo farà affrontando i trevigiani del Portomansuè, già affrontati nel maggio scorso nella semifinale per il titolo di campioni della Promozione del Veneto. In quell’occasione i Lupi avevano raggiunto la finalissima battendo Gnago & co ai calci di rigore dopo l’1-1 dei tempi regolamentari (per gli ospiti a segno proprio l’ivoriano). Adesso lo scontro in Eccellenza, con due situazioni di classifica completamente opposte e la voglia, dai parte dei padroni di casa, di congedarsi dal pubblico del Gianni Casee con i 3 punti.

Sì, indubbiamente entreremo in campo per vincere perché vogliamo imporre il nostro gioco fin da subito. – dichiara Enrico Cunico nella conferenza di presentazione – Sarà importante concludere l’anno nel migliore dei modi, poi andremo a Nervesa ma prima ovviamente il pensiero è tutto per la gara di domani. Finora parliamo di un cammino davvero positivo, in 14 gare abbiamo ottenuto 11 vittorie con una sola sconfitta e il gioco espresso è importante, non dobbiamo però mollare di un centimetro perché dietro Sedico, Lia Piave e Mestre corrono quasi quanto noi. Il Portomansuè è una squadra che inizialmente era partita con ben altri proclami, poi ha incontrato qualche difficoltà iniziale e i risultati sono stati altalenanti. Hanno cambiato qualcosa in questo mercato di riparazione, resta comunque un buonissimo collettivo che potrebbe ambire a ben altro rispetto ad una semplice salvezza.

Sulla situazione fisica dei suoi calciatori l’allenatore aggiunge: “Gentile sarà da valutare perché ha accusato un piccolo fastidio muscolare e bisognerà veder e come si sentirà. Per il resto sono tutti in condizione di giocare, chi più e chi meno. Di Cesare è già entrato nell’undici titolare domenica scorsa, Olivera ha esordito molto bene a gara in corso e Ceccarello tornerà sicuramente utile da qui in avanti. Riguardo Annoni e Callegaro dico che si tratta di due calciatori importanti, il primo è fermo da un po’ di tempo e dovrà ritrovare un po’ di condizione, il secondo invece è un ragazzo che ho già avuto e che conosco. Anche noi abbiamo cambiato un po’ dal punto di vista del gruppo, qualche ragazzo che ha giocato poco è stato lasciato libero di andare a giocare altrove e auguriamo loro le migliori fortune. La società è intervenuta in maniera positiva per mettermi a disposizione dei calciatori già pronti.”

No Comments

Post A Comment