Luparense Football Club | Un nuovo vecchio Lupo: torna Alberto Marcato
12556
post-template-default,single,single-post,postid-12556,single-format-standard,mmm mega_main_menu-2-0-8,ivan-vc-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Un nuovo vecchio Lupo: torna Alberto Marcato

Un nuovo vecchio Lupo: torna Alberto Marcato

Un grande ritorno per i Lupi guidati da Enrico Cunico: la società annuncia infatti il rientro di Alberto Marcato, portiere classe 1988 che aveva già vestito i colori rossoblu nella passata stagione e ne era stato uno dei grandi protagonisti. Adesso, dopo lo stop dello scorso giugno per motivi lavorativi, l’accordo con quello che rappresenta a tutti gli effetti un portiere dall’elevata affidabilità e dalle indiscutibili doti tecniche, che va a far rientrare l’allarme portieri che, al momento, vede il solo Martorel disponibile (anche se di rientro da un brutto infortunio). Lovato e il giovane classe 2002 Bernardi sono infatti ai box a causa rispettivamente di un infortunio muscolare (che lo terrà fuori dai campi per quasi un mese) e di un problema al piede. Con l’ingaggio di Marcato, che vanta esperienze gloriose in Serie C e B, il problema viene arginato.

Ecco le parole del portiere rossoblu: “Ringrazio tantissimo il Presidente e il mister per aver pensato nuovamente a me. Non nascondo che la scorsa estate è stata dura non poter rinnovare l’accordo con i Lupi, purtroppo a volte le scelte sono dovute e non puramente volute. Avendo una famiglia ho dovuto anteporre il loro bene al calcio, scegliendo di mantenere il mio lavoro e abbandonando momentaneamente la squadra a causa degli allenamenti pomeridiani. Ho vissuto momenti non facili in questi mesi, avevo detto che non avrei firmato con nessun altra società che non fosse stata la Luparense e così è stato finora, a meno che non mi avesse chiamato la Juve (ride, ndr). Per uno che come me vive di passione per questo sport è stata davvero dura, ho sentito tantissimo la mancanza del campo e dello spogliatoio e ora finalmente posso riabbracciare quello che mi completa come persona: il calcio.

Il classe ’88 spiega cosa rappresenti per lui la Luparense: “Per me questa è davvero una seconda famiglia, l’anno scorso ho fatto parte di un gruppo fantastico e vincere il campionato con la maglia rossoblu addosso è stato un qualcosa che mi ha fatto sentire orgoglioso e al settimo cielo. Adesso entro in punta di piedi in un collettivo che so essere altrettanto affiatato e coeso, senza questa componente i campionati non si vincono e se la Luparense anche quest’anno sta lottando per traguardi prestigiosi vuol dire che alle spalle c’è un grandissimo gruppo di uomini e calciatori. Da parte mia posso dire che darò davvero il massimo per non deludere le aspettative e per aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati. Spero che questo sia un nuovo punto di partenza, adesso io e la società ci siamo venuti reciprocamente incontro per il bene dei Lupi, il mio sogno è però quello di poter far parte di questa famiglia ancora per molti anni. Innanzitutto voglio concludere bene questa stagione per festeggiare nuovamente a fine campionato, ogni eventuale discorso futuro sarà posticipato a giugno e con i miei compagni darò tutto per la causa rossoblu. Sono davvero contentissimo di essere tornato, un saluto a tutti i tifosi e sempre FORZA LUPI!”

BENTORNATO PORTIERONE!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.