Luparense Football Club | Verso la Pro Venezia, Marcato: “Restiamo concentrati, vogliamo finire in bellezza”
11355
post-template-default,single,single-post,postid-11355,single-format-standard,mmm mega_main_menu-2-0-8,ivan-vc-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Verso la Pro Venezia, Marcato: “Restiamo concentrati, vogliamo finire in bellezza”

Verso la Pro Venezia, Marcato: “Restiamo concentrati, vogliamo finire in bellezza”

La Luparense è già matematicamente in Eccellenza ma non finisce qui la stagione. Mancano infatti ancora 2 giornate al termine, partite in cui si proverà comunque a vincere per centrare il record di punti della storia della Promozione ora fermo a 73, i Lupi sono a quota 70 e vogliono centrare anche questo obiettivo. Ad analizzare il finale di stagione ci ha pensato uno degli indiscussi leader e protagonisti di questa annata, ovvero il portiere Alberto Marcato: “Ancora sono incredulo per questo risultato sportivo eccezionale. Anche se eravamo partiti con l’idea di vincere non è mai facile portare a termine un obiettivo così, perché durante una stagione ci sono da tenere in considerazione molteplici fattori che possono essere d’intralcio. Noi siamo stati bravi, abbiamo creato un gruppo affiatato e sono veramente contento di far parte della Luparense. I momenti difficili ci sono stati, non lo nego, ma restando uniti e guardandoci negli occhi abbiamo continuato a lavorare a testa bassa e i risultati si sono visti sul campo. Adesso però non dobbiamo sentirci appagati, ci sono ancora due obiettivi da portare a termine: uno è quello del record di punti e già domenica contro il Pro Venezia proveremo a pareggiare la quota di 73 punti per poi superarla a Loreo; l’altro è quello di alzare il trofeo di campioni della Promozione del Veneto e dovremo restare concentrati come durante il campionato perché andremo ad affrontare squadre forti che hanno vinto i rispettivi gironi. E’ comunque un titolo e ci teniamo particolarmente a fare bene per portare ulteriore lustro alla società.” Il portierone rossoblù si dice entusiasta di ciò che ha rappresentato per lui la Luparense durante questa annata e spende parole d’elogio per tutti: “Da parte mia sono doverosi i ringraziamenti ad ogni membro del club, i campionati si vincono anche grazie al lavoro di chi non scende in campo. In primis ringrazio il presidente Zarattini per avermi voluto e per avermi permesso di entrare a far parte di quella che è diventata per me una famiglia; non dimentico neanche il lavoro di mister Parteli con cui avevamo iniziato il campionato e a cui è subentrato un grande allenatore come Cunico che ha condotto la nave in porto. Sono stati tutti fondamentali in questa stagione e come squadra vogliamo condividere il successo con ogni membro, dal magazziniere al segretario, dal DS ai dirigenti. Importantissimo per me è stato anche il preparatore dei portieri Roberto Boldrin che è una persona di una competenza impressionante, da categorie superiori, e mi ritengo onorato di essermi allenato con lui in Promozione. Una menzione particolare però va fatta alla mia compagna Margherita che mi ha permesso di tornare a giocare a calcio dopo che ero fermo da un po’, supportandomi e sopportandomi (ride, ndr) in ogni momento. Dopo Godego ero rimasto fermo un anno e questo traguardo rappresenta per me qualcosa di indescrivibile!”

No Comments

Post A Comment