Luparense Football Club | Vincere con l’Union QDP per non perdere la vetta
12536
post-template-default,single,single-post,postid-12536,single-format-standard,mmm mega_main_menu-2-0-8,ivan-vc-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Vincere con l’Union QDP per non perdere la vetta

Vincere con l’Union QDP per non perdere la vetta

La Luparense domani andrà a far visita all’Union QDP, squadra battuta 1-0 all’andata ma che aveva dimostrato una certa resistenza che aveva messo un po’ in crisi il gioco rossoblu. Alla fine era stato Baido a far volare i Lupi con sei vittorie consecutive e 18 punti in classifica. Adesso i trevigiani stazionano in piena zona playout e i sammartinari sono costretti a fare bottino pieno per non perdere contatto con la vetta:

Tornare alla vittoria in casa dopo più di due mesi ci ha fatto davvero piacere, siamo entrati in campo con la giusta convinzione e abbiamo messo sotto un Giorgione arcigno ed equilibrato.” – dichiara mister Enrico Cunico – ” La trasferta di domani è importante perché ci dà la possibilità di continuare a marciare in vetta, non dobbiamo guardare gli altri ma solo a noi stessi. Dobbiamo essere consapevoli che dipende tutto da noi, prima dell’inizio della stagione eravamo consapevoli che non sarebbe stata una passeggiata e stiamo vedendo tutti che il livello è alto. Tra otto giorni avremo il Mestre ma a questo penseremo solo da martedì, l’appuntamento con l’Union QDP è troppo importante per arrivarci con un livello mentale non adeguato. Diciamo che ci stiamo ritrovando dopo alcuni pareggi, affronteremo una squadra fisica che proverà a farci male con le sue armi.”

Infine due battute sul nuovo modulo visto 6 giorni fa e sulla possibilità di confermarlo: “Con il 4-3-3 contro il Giorgione abbiamo dimostrato di essere camaleontici, anche se le scelte sono state dettate da alcuni effettivi non al massimo e quindi ci siamo dovuti adeguare. Le risposte sono state positive e quindi non scartiamo l’idea di riproporre in futuro moduli che non siano 3-5-2, 3-4-3 o 3-4-1-2. Le scelte di domani non saranno influenzate dalla gara contro il Mestre, schiereremo la miglior formazione per raggiungere 3 punti di vitale importanza. Il gruppo è al gran completo, resta fuori il solo Martorel.”

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.